Kimono manutenzione


Dopo aver indossato un kimono, fategli prendere aria su un appendiabiti per circa un giorno prima di riporlo (non di più o rischiate che si sformi!). Quando lo stirate, non usate il vapore ma solo il ferro a bassa temperatura. Non tenete troppo a lungo un capo di seta in una busta di plastica, che potrebbe rovinarlo: molto meglio tenerlo ripiegato al riparo dall'umidità. Se dovesse assorbire dei cattivi odori, sarà sufficiente appenderlo all'aria aperta per qualche ora (al riparo dalla luce del sole) oppure usare dei deodoranti secchi per indumenti o dell' incenso profumato, evitando il contatto diretto col capo.

Per lavarlo, immergetelo in acqua fredda senza detersivo (o al massimo solo con del sapone di Marsiglia). Appendetelo per asciugarsi lontano da fonti di calore e dalla luce diretta del sole. In alternativa, si può portare il capo in una lavanderia a secco, specificando che si tratta di un capo molto delicato e che il dipinto potrebbe rovinarsi.


Come si piega un kimono